giovedì 22 maggio 2008

La cambiamo questa cassetta degli attrezzi?

Cittadini, consumatori ed aziende stanno entrando, più o meno consapevolmente, nella nuova era di internet, il 2.0 che, come lo definisce Microsoft, rappresenta solo un punto di partenza per nuove metodologie e applicazioni software, all'insegna della condivisione e della collaborazione tra esseri umaniMa come cambia la professione del relatore pubblico nell’epoca del web 2.0?
Si è provato a rispondere a questa domanda nel workshop organizzato a Udine da Ferpi Triveneto con la partecipazione di illustri ospiti (e amici) come Fabio Bistoncini, Nicola Mattina e Mirko Grava.
E proprio Bistoncini ha provato subito a spiegare ai presenti, soci e non soci, come le nuove tecnologie hanno profondamente e radicalmente modificato il ruolo ed il lavoro tradizione delle rp. Partendo da un concetto di globalizzazione politica e mediatica, il web 2.0 ha permesso la nascita di una nuova classe di decision maker, spesso rappresentati da gruppi, o meglio, da comunità di consumatori finalmente consapevoli del loro potere anche nei confronti delle istituzioni e delle grandi multinazionali. Questa nuova consapevolezza di ruolo e di potere da parte del cittadino-consumatore ha prodotto dei significativi cambiamenti di comportamento e di politiche commerciali da parte di aziende di livello mondiali, fin qui poco sensibili all’ascolto (vedi il caso Nike e la tutela dei diritti dei lavoratori).
Altro aspetto fondamentale davanti a cui ci pone il web 2.0 è la velocità di reazione alla notizia: le nuove tecnologie hanno drasticamente ridotto i tempi di circolazione dell’informazione, eliminato le distanze e moltiplicato le fonti per cui ogni organizzazione (e quindi ogni relatore pubblico) deve necessariamente cambiare il suo approccio alla gestione della crisi.Esistono quindi nuovi strumenti e linguaggi nell’attività di rp ma ciò che Bistoncini ha sottolineato con giusta enfasi è il cambio di mentalità che ogni professionista deve compiere per non incorrere nel rischio di utilizzare il “vecchio approccio” con i nuovi mezzi a disposizione.
Fondamentali le riflessioni di un esperto del web e blogger influente come Nicola Mattina sull’evoluzione dei media da digitali a sociali, percorso avvenuto proprio grazie alla rete. Internet, ma anche cellulari e tutti gli altri dispositivi portatili, hanno aiutato tutti noi a diventare “produttori” di contenuti e questo deve valere anche per il relatore pubblico. L’azienda, e tutte le organizzazioni, devono diventare produttori di contenuti ed essere in grado, attraverso l’attività di rp, di governare questi nuovi flussi d’informazione. Possiamo quindi parlare di una nuova fase del processo di evoluzione definita company generated media in cui questi contenuti vengono poi condivisi su una rete. Condivisione che genera, a questa punto, una nuova relazione da monitorare e governare in maniera sistematica e costante. Il web 2.0 non dev’essere temuto dalle organizzazioni come potenziale minaccia bensì come un “candido” focus group da cui trarre informazioni utili al perseguimento degli obiettivi aziendali.Ma la rete impone anche alcuni obblighi, come ci ricorda Mirko Grava. L’utilizzo di standard condivisi diventa un requisito imprescindibile per chi vuole costruire una relazione efficace e duratura nel tempo attraverso il web e sfruttando al meglio le potenzialità di questi nuovi strumenti. Il workshop è stato anche l’occasione per presentare ai soci Ferpi del Friuli Venezia Giulia ed a tutti gli intervenuti, il nuovo sito della delegazione Triveneto consultabile all’indirizzo www.triveneto.ferpi.it , anche questo da considerare come un punto di partenza per la crescita e l’accreditamento dei professionisti di relazioni pubbliche. Mariapaola La Caria e Claudio De Monte, veri e propri “motori” del delegazione del nord est, hanno inoltre iniziato, con questo appuntamento, la programmazione di un percorso formativo che ci accompagni verso la consapevolezza dell’importante ruolo delle nuove tecnologie per il nostro lavoro.

Etichette:

4 Commenti:

Alle 29 maggio 2008 21:14:00 WET , Blogger Pilla ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 29 maggio 2008 21:14:00 WET , Blogger Pilla ha detto...

Ciao

 
Alle 11 giugno 2008 01:31:00 WEST , Anonymous Anonimo ha detto...

Speriamo allora che anche i relatori pubblici sappiano rinnovarsi.

 
Alle 26 gennaio 2010 23:20:00 WET , Anonymous Anonimo ha detto...

每一粒厄運的種子,卻包孕著未來豐盛的果實..................................................

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page